Regolamento

REGOLAMENTO DELL’ASSOCIAZIONE ASTÈRIA

Premessa

Art. 1 – Questo Regolamento interno è parte integrante dello Statuto dell’Associazione Astèria. I soci che aderiscono a qualunque titolo all’Associazione stessa lo condividono pienamente e senza riserve.

I soci sono liberi di appartenere ad altre associazioni o organizzazioni che non contrastino con gli scopi di Astèria e hanno l’obbligo di non danneggiare l’Associazione con atti o gesti che contrastino con i principi statutari.

Norme di comportamento

Art. 2 – Lo scopo conviviale e culturale dell’Associazione si esprime attraverso la maturità e la consapevolezza di ogni singolo socio. Non sono ammessi comportamenti offensivi, lesivi della dignità, indirizzati a creare dissidio o a portare offesa alla onorabilità dell’Associazione.

Ogni socio può sostenere autonomamente i valori ed i progetti dell’Associazione, purché discussi e approvati preventivamente dall’assemblea. Nessun socio potrà parlare pubblicamente a nome e per conto dell’Associazione di temi mai discussi e approvati prima.

Tesseramento e quota associativa

Art. 3 – L’aspirante socio è tenuto ad accettare il contenuto dello Statuto e del Regolamento, e ad accettare il pagamento della quota associativa annuale.

La quota d’iscrizione all’Associazione è stabilita in Euro 10.00, ha validità annuale solare (dal 1 gennaio al 31 dicembre) e dovrà essere corrisposta entro il 31 Gennaio di ogni anno.

Chi presenterà la domanda di ammissione dal 1 Gennaio al 30 Settembre, avrà la propria quota in scadenza il 31 Dicembre dello stesso anno; chi invece presenterà la domanda dal 1 Ottobre fino al 31 Dicembre, avrà la propria quota in scadenza il 31 Dicembre dell’anno successivo.

La tessera ha validità quinquennale e viene rinnovata ogni anno tramite apposizione di timbro.

Art. 4 – Chi desidera diventare socio deve specificare nella domanda al Presidente dell’Associazione:

  1. nome, cognome, data di nascita, domicilio e indirizzo email, che verrà utilizzato per le comunicazioni ufficiali;

  2. dichiarazione di accettazione dello Statuto, del Regolamento e di tutte le norme in essi contenute;

  3. il suo consenso al trattamento dei dati personali nella misura necessaria per il perseguimento degli scopi statutari dell’Associazione e limitata al periodo di validità dell’iscrizione.

Il modulo di iscrizione deve essere compilato e inoltrato in modo elettronico oppure stampato e consegnato direttamente a un membro del Consiglio Direttivo.

Art. 5 – Il Consiglio Direttivo, ricevuta la richiesta, decide alla prima riunione utile sull’ammissione dei nuovi soci che abbiano fatto richiesta e comunque entro 60 giorni dalla data in cui è stata ricevuta la domanda di iscrizione.

A decorrere dalla data in cui il Consiglio Direttivo o il Segretario iscrive l’aspirante socio nel Registro degli associati, questi viene considerato socio a tutti gli effetti con tutti i diritti e gli obblighi derivanti. Il socio deve quindi versare la quota associativa entro 15 giorni dall’accettazione della domanda da parte del Consiglio Direttivo.

Non è consentito frazionare tale quota associativa per nessun motivo.

Diritti e doveri dei soci – Sviluppo iniziative

Art. 6 – La quota associativa dà diritto all’iscrizione all’Associazione nonché all’accesso gratuito, per la durata del suo anno solare di validità, alle attività promosse dall’Associazione.

Inoltre l’adesione all’Associazione permette al socio di usufruire di promozioni o sconti concordati dall’Associazione con enti, organizzazioni o attività commerciali aderenti a specifiche iniziative pubblicizzate dall’Associazione.

È facoltà di ogni socio recedere dall’Associazione in qualsiasi momento. Tale recesso non dà diritto al rimborso totale o parziale della quota versata.

Art. 7 – Le iniziative ufficiali dovranno essere assoggettate all’approvazione dell’assemblea dei Soci, secondo quanto espresso nel presente articolo.

Per ogni attività intrapresa dall’Associazione che richieda un esborso economico, deve essere approvata dall’assemblea dei Soci una previsione di spesa, con finanziamento reperibile sia dai fondi disponibili dell’Associazione stessa, sia tramite contributi volontari forniti dai soci o esterni all’Associazione. L’eventuale superamento di tale previsione di spesa deve essere approvato dall’assemblea dei Soci.

La presente guida allo schema dell’iter decisionale che riguarda le attività dell’Associazione è da intendersi come parte integrante del Regolamento.

Questo schema è stato ideato per stabilire un sistema decisionale democratico e trasparente per tutti i Soci che intendono fare una qualsiasi attività a nome dell’Associazione e consta di varie fasi.

Ideazione: il Socio decide di fare una attività e presenta un progetto di massima, nel quale indica:
a) l’oggetto dell’attività
b) le finalità dell’attività, che devono rispondere a quelle presenti nello Statuto
c) gli eventuali costi e le possibili forme di finanziamento
d) il numero di persone necessarie
e) il tempo stimato
f) tutto quello che ritiene utile mettere a conoscenza dell’assemblea

Proposta: viene rimessa alla valutazione dell’assemblea dei Soci; essa può
a) dare il via libera immediato con iter regolare (che prevede almeno 1 presentazione in assemblea successiva alla Proposta) o
b) dare il via libera immediato con iter semplificato (a discrezione dell’assemblea stessa) o
c) richiedere una Revisione, indicando le criticità rilevate e invitando a modificare in sede assembleare, o successivamente, la Proposta. A questo punto, dopo la presentazione della nuova Proposta, l’assemblea decide definitivamente se approvarla o meno (Rifiuto).

Sviluppo: se l’assemblea ha dato il via libera si costituisce un gruppo di lavoro di almeno due persone che lavora al progetto secondo uno scadenzario (timeline), monitorato da una persona designata dall’assemblea ed estranea al gruppo di lavoro, che tiene conto delle scadenze presentate nella fase di ideazione. Questo è necessario affinché i progetti vengano effettivamente portati avanti come deciso dall’assemblea e non rimangano arenati.

Presentazione: verso la metà del tempo precedentemente stimato per il progetto, viene fatta un’assemblea intermedia nella quale il gruppo di lavoro presenta lo stato della preparazione dell’attività, evidenziando le eventuali criticità riscontrate e chiedendo eventualmente una modifica dei tempi necessari alla sua realizzazione.

Se il progetto non è concluso si passa a una nuova presentazione al momento della sua ultimazione, in caso contrario si passa direttamente alla fase successiva:

a) Pubblicazione (se il progetto riguarda un’attività rivolta al pubblico esso viene presentato secondo le forme decise dal gruppo di lavoro ed approvate in assemblea)

b) Formalizzazione (se il progetto riguarda un’attività rivolta alla Pubblica Amministrazione)

schema iter decisionale

Spese e rimborsi

Art. 8 – I soci che, nell’espletamento del lavoro volontario all’interno dell’Associazione, abbiano sostenuto spese per conto della Associazione stessa, hanno diritto al rimborso presentando idonea documentazione delle spese sostenute e preventivamente autorizzate. La documentazione delle spese sostenute deve essere presentata al Tesoriere, che effettuerà gli opportuni controlli contabili e amministrativi e predisporrà il rimborso.

Proprietà intellettuale dei contributi

Art. 9 – I contributi di idee, articoli, pubblicazioni, disegni, fotografie, video, testi, ecc. forniti dai soci in qualunque modalità (brevi manu, posta, email, social network…), quando non diversamente concordato con il Consiglio Direttivo, sono da ritenersi di proprietà dell’Associazione che ne dispone a suo piacimento.

Annunci